Pivot Point

I pivot point sono uno degli indicatori tecnici più famosi tra i trader italiani. I pivot point possono anche essere chiamati come “Punti Pivot”. Che cosa sono i Punti Pivot (o Pivot Point)?

I punti Pivot sono un indicatore tecnico che rappresenta una particolare tipologia di segnali grafici che vengono utilizzati per determinare delle aree di supporto e resistenza. Non è un indicatore conosciutissimo, ma è comunque molto utilizzato dai professionisti per studiare in maniera molto dettagliata l’andamento dei mercati forex, ma anche azioni, materie prime, indici e molto altro ancora. Oggi cercheremo di spiegare con questa mini-guida come funzionano i pivot points, in modo da calcolarli nel migliore dei modi.

Broker Caratteristiche Vantaggi Recensione Iscriviti
Plus500 Conto demo gratuito servizio CFD Recensione Iscriviti
24Option Trading su forex e opzioni Rendimenti oltre l'85% Recensione Iscriviti
Markets.com Piattaforma di trading di Safecap Investment Ltd. Trading su forex e azioni Recensione Iscriviti
IQ Option Deposito minimo 10€ Rendimenti al top Recensione Iscriviti
XM.com Broker con zero spread Deposito minimo 5€ Recensione Iscriviti
eToro Broker ideale per principianti Social e copy trading Recensione Iscriviti

Un pivot point è un indicatore di analisi tecnica che viene solitamente utilizzato per determinare la tendenza generale del mercato in periodi diversi. Il punto pivot è semplicemente la media dei prezzi massimi, minimi e di chiusura dal giorno precedente. Nel giorno successivo, il trading al di sopra del punto di pivot sta ad indicare il trend rialzista, mentre il trading al di sotto del punto di pivot indica un trend ribassista.

L’analisi con i Pivot Points viene spesso utilizzata in combinato con il calcolo dei livelli di supporto e resistenza, proprio come viene fatto per l’analisi del trend di un mercato. In un'analisi dei punti pivot (pivot points), i livelli di supporto e resistenza sono calcolati utilizzando l'ampiezza dell'intervallo di trading tra il punto di pivot e i prezzi minimi o massimi del giorno precedente. Il secondo livello di supporto e resistenza viene calcolato utilizzando l'intera ampiezza tra i prezzi massimi e minimi del giorno precedente.

I Pivot Points, sono comunemente utilizzati sotto forma di indicatori intraday per la negoziazione nel mondo del forex, nei futures, commodities, materie prime e anche per le azioni. A differenza delle medie mobili o degli oscillatori, i punti pivot sono semplicemente “statici” e rimangono agli stessi livelli per tutta la giornata. I dati sul trading range del giorno precedente vengono gestiti attraverso una formula per generare cinque livelli pivot point. Questi livelli sono essenzialmente composti da un punto di rotazione e due superiori resistenze sui punti pivot note come R1 e R2 e due punti pivot inferiori sui supporti, noti anche come S1 e S2. Possono esistere anche S3 e R3, dei livelli aggiuntivi di supporto e resistenza.

pivot point

Ogni livello viene considerato dunque come un punto di pivot. Alcuni trader aggiungono ulteriori punti pivot per ampliare la gamma, fino ad arrivare ad includere fino a quattro punti di pivot aggiuntivi. I punti di pivot vengono spesso presi in considerazione dai programmi di trading algoritmico e ad alta frequenza. I commercianti spesso effettuano ordini di stop nei pressi o sui punti di pivot. La maggior parte delle piattaforme di trading forniscono questi indicatori, che possono essere facilmente inseriti in un grafico.
In questa immagine qua sotto è possibile vedere come vengono rappresentati:

grafico pivot point

S3: 1.0875 S2: 1.0917 S1: 1.0986 PP: 1.108 R1: 1.1097 R2: 1.1139 R3: 1.1208

Punti Pivot come Calcolarli

Qualora non si sia soddisfatti dei sistemi per calcolare i punti pivot in maniera automatica, nessun problema! È possibile calcolare i Punti Pivot in maniera molto semplice.
Ecco come si calcola un punto di Pivot:

“Punto Pivot (P) = (Prezzo Massimo + Prezzo Minimo + Chiusura) /3”
Ecco come invece si calcola il primo livello di supporto e di resistenza:
Livello di Resistenza Punto Pivot (R1) = (2 * P) – Prezzo Minimo
Livello di Supporto Punto Pivot (S1) = (2 * P) – Prezzo Prezzo massimo

Ecco come si calcola invece il secondo livello di supporto e di resistenza:

Livello Punto Pivot Resistenza (R2) = P + (R1 – S1)
Livello Punto Pivot Supporto (S2) = P – (R1 – S1)

Ecco come si calcola il terzo livello di supporto e resistenza:

Livello Punto Pivot Resistenza (R3) = Prezzo High + 2 * (P – Prezzo Low)
Livello Punto Pivot Supporto (S3) = Prezzo Low – 2 * (Prezzo High – P)

Ecco un esempio:

grafico prezzi pivot point

Sempre guardando l’immagine, se il mercato apre con una candela al di sopra del livello di Pivot Point (contrassegnato con la lettera “P”) con grande probabilità si è di fronte ad un trend giornaliero verso il rialzo; è quindi consigliabile acquistare la coppia forex in questione con l’obiettivo che salga durante la sessione. Se invece il mercato dovesse aprirsi al di sotto del punto pivot, con grande probabilità si è di fronte ad un trend giornaliero verso il ribasso; ed è quindi consigliabile vendere la coppia forex in questione con l’obiettivo che salga durante la sessione.

Cosa succede quando c'è un pivot point?

Che cosa succede quando c'è un pivot point? Per capire quanto e quando un punto pivot può influenzare un mercato, basta osservare il grafico di prezzo. Un pivot point è un livello di prezzo di tipo “reazionario”. Un punto di pivot viene considerato come un livello di supporto dei prezzi se lo strumento finanziario sottostante è scambiato più in alto del punto di pivot. Un punto di pivot che si trova ad un prezzo superiore rispetto a quello dello strumento finanziario sottostante viene invece considerato un livello di resistenza di prezzo.

I prezzi tendono a “rallentare” o addirittura a deviare la propria direzione quando un punto di pivot viene inizialmente testato. Questo viene spiegato dal fatto che i punti pivot sono ampiamente seguiti e presi in considerazione dai trader retail, ma anche dai trader istituzionali e dalle altre tipologie di professionisti. Quando si rompe un punto di pivot (ovvero il prezzo dove si trovava viene violato), può formarsi un movimento da parte del prezzo del mercato, verso il prossimo punto pivot. Utilizzare in combinato i punti di pivot con altri indicatori di tendenza è una pratica comune tra i trader. Un punto pivot che si sovrappone o che anche solo converge con una media mobile semplice a 50 o 200 giorni, diventa un supporto o resistenza dei prezzi molto più solida.