Money Flow Index

Senza ombra di dubbio il Money Flow Index è uno degli indicatori tecnici più famosi ed utilizzati sui mercati finanziari. L’oscillatore “Money Flow Index” rappresenta uno degli indicatori tecnici più ambiti dai trader, in quanto misurare la forza del flusso di un mercato è molto importante per capire il mercato. Questo indicatore tecnico è strettamente correlato ad un’altro indicatore tecnico famosissimo: l’RSI. Tuttavia l’indicatore Money Flow Index si limita ad analizzare il volume, quando invece l’RSI si concentra solo sul prezzo. Ma vediamo più nel dettaglio di cosa si tratta.

Broker Caratteristiche Vantaggi Recensione Iscriviti
Plus500 Conto demo gratuito servizio CFD Recensione Iscriviti
24Option Trading su forex e opzioni Rendimenti oltre l'85% Recensione Iscriviti
Markets.com Piattaforma di trading di Safecap Investment Ltd. Trading su forex e azioni Recensione Iscriviti
IQ Option Deposito minimo 10€ Rendimenti al top Recensione Iscriviti
XM.com Broker con zero spread Deposito minimo 5€ Recensione Iscriviti
eToro Broker ideale per principianti Social e copy trading Recensione Iscriviti

Che cos’è il Money Flow Index

Il Money Flow Index è prima di tutto un oscillatore che utilizza sia il prezzo che il volume per misurare l’acquisto e la pressione di vendita. Fu creato da Gene Quong e da Avrum Soudack. L’MFI è uno degli indicatori tecnici più amati dai trader di tutto il mondo proprio per la sua semplicità d’uso e affidabilità. Broker come 24Option e Plus500 offrono questo indicatore tecnico direttamente sulla loro piattaforma, senza bisogno di scaricare nulla.

L'indice di flusso del denaro o “Money Flow Index” (MFI) è un indicatore di momentum che misura l'afflusso e il deflusso di denaro in un titolo durante un determinato periodo di tempo. L’MFI utilizza prima di tutto il prezzo di un titolo e il volume per misurare la pressione di trading. Poiché il MFI aggiunge il volume degli scambi all'indice di forza relativa (RSI), è a volte indicato come un RSI di tipo “volume-weighted”.

Come si calcola il MFI

Il valore del MFI è sempre compreso tra 0 e 100, e il suo calcolo richiede diversi passaggi. Gli sviluppatori del MFI, Gene Quong e Avrum Soudack, suggeriscono di utilizzare un periodo di 14 giorni per fare i calcoli. Il primo passo è quello di calcolare il prezzo tipico. In secondo luogo, il flusso di denaro grezzo deve essere calcolato. Il terzo passaggio è quello di calcolare il rapporto tra il flusso di denaro con il denaro positivo e negativo dei flussi per i precedenti 14 giorni. Infine, utilizzando il rapporto di flusso di denaro, l'MFI finale viene dunque calcolato. Ecco le formule per calcolare ogni singolo passaggio:

Prezzo tipico = (prezzo massimo + prezzo minimo + prezzo di chiusura) / 3

Flusso di denaro = prezzo totale x volume

Rapporto del flusso di denaro = (14 giorni Flusso di Denaro Positivo*) / (14 giorni Flusso di Denaro Negativo*)

*(Il flusso di denaro positivo viene calcolato sommando tutto il flusso di denaro nei giorni in cui il prezzo tipico è superiore al periodo precedente. Questa stessa logica vale anche per il flusso di denaro negativo.)

MFI (Money Flow Index) = 100 - 100 / (1 + rapporto money flow)

Molti trader aspettano di sfruttare le opportunità che si presentano quando l'MFI si muove in direzione opposta rispetto a quella del prezzo. Questa divergenza spesso può essere un indicatore per il cambiamento nel trend attuale. Un MFI di oltre 80 suggerisce che il mercato è in fase di ipercomprato, mentre un valore inferiore a 20 suggerisce invece che il mercato è in fase di ipervenduto.

Money Flow Index Strategia

Adesso che abbiamo ben capito come funziona il Money Flow Index, è possibile studiare subito una strategia da applicare a qualsiasi mercato finanziario. Oltre a comprare quando è in ipervenduto e vendere quando è in ipercomprato, è possibile sfruttare anche le divergenze tra l’indicatore MFI e i prezzi del mercato.

Uno degli aspetti più interessanti dell’indicatore MFI è che si tratta di un indicatore che può aiutare moltissimo a sfruttare i vari segnali di ingresso e uscita di uno strumento finanziario, grazie appunto alle divergenze che possono esistere tra l’indicatore e i prezzi. In particolare, è possibile vedere come in questo esempio, come i prezzi salgono segnando nuovi massimi, non trovando conferma però da parte dell’indicatore MFI:

money flow index

In questo caso, stiamo parlando di vere e proprie “Divergenze”, dove i picchi di massimo (o minimo) del Money Flow Index non corrispondono esattamente con quelli del grafico di prezzo. Quando avviene ciò, significa che l’indicatore ci sta segnalando una possibile e imminente inversione del trend del mercato.

È necessario utilizzare l’indicatore MFI con un occhio di riguardo al trend, considerando che stiamo comunque parlando di un oscillatore che funziona meglio se utilizzato in combinato con l’RSI o ancora meglio con pattern grafici. Tuttavia un ottimo modo per basare la strategia sull’MFI, per trovare subito un buon punto di ingresso nel mercato, è quello dove l’MFI si muove in direzione opposta rispetto al prezzo e si trova in area di ipervenduto o ipercomprato.