24Option truffa? No, ecco perché non è vero

24Option truffa: interrogarsi in merito è naturale se si è alle prime armi nel mondo del trading. Se si ha già un po’ di confidenza con questo ambito, è normale sapere che si tratta di un broker assolutamente sicuro, che consente di fare trading con la sicurezza garantita dall’adesione alle normative internazionali.

24Option (apri qui il conto demo) è infatti un broker legale e sicuro, partner di un club sportivo di primo piano come la Juventus e aderente alle normative internazionali che, da 10 anni a questa parte, interessano il trading online. Se vuoi sapere qualcosa di più sulle sue caratteristiche e scoprire perché non è una truffa, leggi la guida che abbiamo preparato per te.

24Option cos’è

24Option è un broker regolamentato dalla Cysec e in possesso della licenza 2017/13. Ovviamente, è autorizzato a operare in Italia dalla Consob. Già questi due aspetti lo rendono un riferimento sicuro per fare trading. Legato al gruppo Rodeler Limited, consente di fare trading su diversi asset, tra i quali troviamo il Forex, le criptovalute, le materie prime.

24Option è un broker che consente di fare trading sui CFD (Contracts for Difference). Questi strumenti derivati, che sono diffusi da una ventina d’anni ma popolari solo da quando è esploso il trading online, permettono di fare trading replicando l’andamento dell’asset. Tecnicamente possono essere definiti come contratti tra due parti in cui l’acquirente, previo pagamento di un tasso di interesse, ha diritto a ricevere il rendimento di un’attività finanziaria sottostante. Il venditore del contratto, invece, assume l’impegno di pagare il rendimento del suddetto asset.

In questo modo, si può bypassare prima di tutto il problema della volatilità. Al giorno d’oggi, infatti, non conviene più così tanto acquistare effettivamente criptovalute come Bitcoin o titoli azionari di società di primo piano.
Le cose possono cambiare dall’oggi al domani e ci si può trovare con in mano asset privi di valore. Con i CFD si risolve questo problema e si ha la possibilità di guadagnare anche quando l’asset stesso perde quota. Quello che il trader deve fare, infatti, è aprire la posizione giusta tra long e short, azzeccando di volta in volta l’andamento dell’asset.

I vantaggi dei Contracts for Difference, il cui prezzo è praticamente analogo a quello degli strumenti sottostanti, non finiscono certo qui. Come hai visto sono semplici da gestire, ma sono anche molto economici. L’unico onere da considerare è infatti lo spread, ossia la differenza tra bid e ask. Da sottolineare è però il loro essere prodotti a leva, un moltiplicatore che amplifica sia i guadagni, sia le perdite. Per questo motivo, è molto importante prendere confidenza con i meccanismi di stop loss, grazie ai quali è possibile indicare al broker quando è il momento di arrestare le perdite.

Concludiamo questa parentesi ricordando che, tramite i CFD, possono essere messe in atto diverse strategie di trading. Giusto per fare un esempio, ricordiamo l’approccio pairs trading, che consiste nella scelta di negoziare su due CFD in contemporanea, uno in posizione short, uno in posizione long.

24Option (apri qui il conto demo), come puoi vedere, è un broker serissimo. Tra le sue caratteristiche più importanti è possibile ricordare anche i segnali di trading che vengono regalati a tutti coloro che si iscrivono. Cosa sono? Linee guida che forniscono ai trader delle indicazioni utili in sede di operazioni. Non vanno considerati dei consigli di investimento veri e propri. Non dimentichiamo infatti che, in ogni caso, il capitale è sempre a rischio e che la decisione su come sia meglio spetta al trader.

In ogni caso i segnali di trading sono uno strumento molto utile, frutto di un esame di informazioni sia in tempo reale, sia in prospettiva storica. Messi a disposizione dalla società Trading Central, prendono in considerazione più di 8000 asset. Oltre ai segnali di trading, 24Option mette a disposizione anche diversi webinar e video, grazie ai quali è possibile maturare una comprensione completa sia a livello pratico, sia dal punto di vista teorico. Si tratta di un vero e proprio centro di formazione multimediale adatto a tutti i trader, anche a quelli alle prime armi.

A contribuire all’ottima user experience ci pensa anche l’interfaccia estremamente immediata, che consente di capire subito come aprire il conto demo. Degna di nota è anche la possibilità di operare da mobile, sempre con un’app di ottima qualità.

24Option login: come registrarsi

Registrarsi su 24Option (apri qui il conto demo) è molto semplice. Prima di tutto, bisogna accedere alla home del sito. Il passo successivo consiste nel cliccare sul pulsante “Registrati”. A questo punto, è necessario inserire inserire nome, cognome, mail e numero di telefono. Fin da subito, è possibile scegliere tra conto demo e conto con denaro reale. Il primo, come in tutti gli altri casi, consente di operare senza rischiare il capitale. Dopo qualche ora di utilizzo, bisogna però passare a quello con denaro reale.

A questo punto si apre una parentesi molto ampia, in quanto il conto con denaro reale di 24Option prevede la possibilità di scegliere tra diverse tipologie. Ecco quali.

:
  • Conto Basic: in questo caso, il trader ha a disposizione un’introduzione alla piattaforma, un account manager dedicato, la possibilità di accedere a webinar e video lezioni. Il conto Basic di 24Option richiede un deposito compreso tra 100 e 2500 euro. Conto Silver: il conto Silver di 24Option consente di accedere ad ausili di approfondimento sulla gestione del rischio, ma anche ai servizi di un account manager dedicato e a webinar e seminari. Per aprirlo e per avere a disposizione anche strumenti quotidiani di analisi di mercato, è necessario effettuare un deposito superiore a 2500 euro.
  • Conto Gold: con questo conto, è possibile accedere a strumenti di gestione del rischio, ai servizi di un account manager dedicato, ma anche, tra le altre cose, a un corso personalizzato sulla piattaforma MT4. MetaTrader4 non è solo la piattaforma utilizzata su 24Option (apri qui il conto demo), ma in generale uno dei migliori ausili per chi fa trading, in virtù dei numerosi strumenti a disposizione e della loro eccellenza grafica e tecnica. Il client può essere scaricato in pochi minuti su desktop e consente di apprezzare un approccio di alto livello, con la possibilità di personalizzare i grafici e di usufruire di strumenti di trading automatizzato, per non parlare dell’analisi dei prezzi di mercato e del monitoraggio delle linee di trend.
  • Conti Platinum e Diamond: riservati a chi deposita più di 100.000 e 250.000 euro, questi conti permettono di accedere ai medesimi servizi ricordati sopra, ma anche a spread vantaggiosi e a prelievi gratuiti.

Per quel che concerne l’importo minimo per operazione, ricordiamo che corrisponde a 24 euro. Chi vuole depositare, può farlo prendendo come riferimento diversi metodi. Ecco l’elenco dei principali:

  • Visa
  • Visa Electron
  • Carte di credito del circuito Mastercard
  • Skrill
  • GiroPay
  • PostePay
  • AstroPay
  • Neteller

Ogni prelievo prevede degli oneri di commissione. In caso di carta di credito/debito, bisogna considerare una commissione del 3,5%. Con il portafoglio elettronico Skrill, invece, un onere del 2%. Chi sceglie Paypal e Neteller, deve mettersi invece nell’ottica di una commissione sempre del 3,5%. Tra i metodi di prelievo e pagamento, come già detto, troviamo il bonifico bancario. In questo caso, la commissione cambia a seconda della valuta.

Chi utilizza le sterline deve considerare 2 pounds, mentre chi deposita in euro e in dollari valori pari a 25 e 30. In caso di conto Basic, il primo prelievo è gratuito. Lo stesso vale per i titoli del conto con denaro reale Silver. In caso di conto Gold, invece, è gratuito solamente il primo prelievo del mese solare. Per finire, i conti Platinum e Diamond consentono di accedere a prelievi sempre gratuiti.

Tornando un attimo al conto demo di 24Option (clicca qui per aprirlo), ricordiamo che ha tutte le caratteristiche di un conto Platinum e che si contraddistingue per la possibilità di operare con 100.000 euro virtuali.

Grazie al suddetto conto, è possibile esercitarsi su diversi asset. Tra questi, è il caso di ricordare:

  • Valute: su 24option sono disponibili tutte le principali coppie di valute forex.
  • Criptovalute: 24Option consente di operare sulle principali valute digitali, da Bitcoin a Ethereum, fino a Dash e Ripple.
  • Azioni di società di primo piano come Apple, Facebook e IBM.
  • Materie prime come oro e argento.

Dopo essersi registrati, per scoprire ancora di più che non c’è nulla di vero nell’affermazione 24Option truffa è possibile familiarizzare con i servizi di customer care. 24Option offre un supporto ottimale da questo punto di vista, mettendo a disposizione una chat attiva 24 ore su 24, un canale mail, un contatto telefonico. Da ricordare a tal proposito è anche la possibilità di accedere a consulenze telefoniche mirate fornite da trader che sanno il fatto loro, soprattutto dal punto di vista pratico.

Conclusioni

24Option, come è chiaro da queste righe, è tutto tranne che una truffa. Questo broker è anzi un ottimo punto di riferimento per chi vuole approcciarsi al trading onling e migliorare il proprio approccio grazie alla qualità dei supporti formativi. Abbiamo citato la ricchezza del centro di formazione multimediale e la ribadiamo facendo presente la possibilità di scaricare i cossiddetti trading eBooks, ma anche gli ebook interattivi, che rendono ancora più coinvolgente l’esperienza di trading online su 24Option (apri qui il conto demo). Facciamo ancora una volta cenno ai video, che trattano aspetti molto importanti come l’emotività nel trading e la gestione del rischio.

Non c’è che dire: chi afferma che 24Option truffa abbia qualcosa di vero, deve cominciare a ricredersi. Questo broker è uno dei migliori online e a confermarlo ci pensa la fama internazionale. Prima di iniziare, ovviamente, è il caso di mettere a punta una strategia per gestire i rischi. Una delle più semplici e importanti è il Money Management, che prevede la divisione del capitale in più parti. Ciascuna di essere deve essere assegnata a una singola operazione o a un asset, evitando di puntare più del 5% ogni volta. In questo modo, si tutela il capitale anche in caso di diverse operazioni non profittevoli una dopo l’altra.

Strumenti di forex trading

Broker del mese