Materie Prime e Forex Analisi 12 Aprile 2019

Durante questa ultima sessione della settimana, a fronte dei dati economici provenienti dalla Cina, i prezzi dei metalli preziosi come l’Oro e l’Argento si sono mossi al rialzo.

Gli ultimi dati economici negli Stati Uniti, in Cina e recentemente dall’Unione Europea, hanno fornito ai trader le ragioni per ritenere che il cosiddetto rallentamento economico globale non sia poi così grave.

Vuoi investire nel mercato forex? Con la piattaforma di trading eToro (clicca qua per visitare il sito ufficiale) puoi farlo senza commissioni, comprando o vendendo allo scoperto qualsiasi coppia di valute, materie prime, indici, azioni e criptovalute. eToro è sicuro, regolamentato CySEC e registrato presso l’ente di controllo Italiano CONSOB. Clicca qua per saperne di più su eToro.

Dati economici: riassunto

Le esportazioni in Cina sono salite del 21,3% a marzo, un rimbalzo dal calo del 16,6% registrato a febbraio e un numero ben superiore all’aumento del 14,8% previsto dal mercato.

Le importazioni sono diminuite dell’1,8% in Cina a marzo, significativamente inferiori al calo del 9,6% che era stato previsto dagli analisti.

Per quanto riguarda invece l’Europa, la produzione industriale è scesa dello 0,2% a febbraio, meno rispetto al calo dello 0,6% previsto dal mercato. Attualmente è presente la medesima situazione nel dato annuale, con la produzione industriale in calo dello 0,3%, un ribasso inferiore dell’1,0% previsto dal mercato.

Sempre per l’Europa sono state pubblicate delle news positive, con le revisioni dei mesi precedenti per quanto concerne la produzione industriale, che è stata rivista dell’1.9% mensile dall’1.4% riportato precedentemente.

Forex: Indice del Dollaro e altre coppie major

DXY (l’indice del Dollaro) è stato scambiato al ribasso durante la giornata di venerdì, in quanto gli investitori stanno vendendo il Dollaro USA a fronte dei dati economici e della presa dei profitti prima del weekend.

L’EUR/USD è uno dei principali beneficiari di questo rinnovato ottimismo. La coppia ha infatti beneficiato dai dati di produzione industriale dell’UE, salendo da 1,1251 fino ad essere scambiata a 1,1322, il massimo registrato dal 26 di marzo.

Tornando all’indice del dollaro, questo indici che traccia l’andamento del dollaro contro un paniere di coppie di valute major, è scambiato ai minimi dal 27 marzo sul livello di 96,80; il prossimo supporto è situato sulla media mobile a 50 giorni a 96,75.
La mossa sta spingendo il metallo verso l’alto, ma il mercato non si aspetta che il rally dell’oro duri molto.

Materie Prime: Oro

Il metallo giallo è stato scambiato in territorio positivo durante la sessione di venerdì. Anche in questo mercato gli investitori stanno chiudendo le loro posizioni prima del fine settimana, anche a causa della debolezza dell’indice del Dollaro USA.

Attualmente il metallo giallo è scambiato sul livello di 1291, in ribasso dello 0.04%.

La quotazione di questa materia prima si trova al di sopra dell’area dei 1.290 dollari, ma gran parte delle analisi tecniche suggeriscono che la mossa al ribasso potrebbe essere appena iniziata.

Durante la settimana, l’oro è pronto per la sua prima settimana positiva delle ultime tre, ma i guadagni sembrano limitati dopo il calo di giovedì.

Il prossimo supporto per il metallo si trova a 1.280. Per vedere un movimento rialzista, la materia prima dovrebbe chiudere al di sopra della resistenza dinamica situata sul livello dei 1310 dollari USA.

Durante la sessione di venerdì l’argento è stato scambiato al ribasso. Le formazioni della quotazione hanno mostrato segni di fine trend, grazie ai ai livelli di ipercomprato sullo stocastico del grafico giornaliero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *