Forex e Materie Prime Analisi Tecnica 18 Ottobre 2018

L’indice del Dollaro USA è cresciuto al massimo degli ultimi 10 giorni al livello di 95.42, in quanto le ultime decisioni da parte della Federal Reserve hanno cambiato il mercato, che sembra essere adesso interessato nella valuta.

Il Dollaro è tornato con una grandissima crescita all’interno dei mercati mondiali dopo le Minutes da parte della FOMC.

I membri della Federal Reserve si sono accordati per scongiurare la necessità di una stretta alla loro politica monetaria, che ha dunque portato il dollaro all’interno del suo momentum di crescita.

Il Dollaro è poi cresciuto al massimo degli ultimi 10 giorni, andando sul livello di 95.42, in quanto è tornato nuovamente l’interesse del mercato nei confronti della valuta più importante di sempre.

Il Rialzo del Dollaro

Fai trading forex e materie prime con una piattaforma di trading demo affidabile e veloce come eToro, clicca qua>>

Il dollaro è tornato alla crescita nei mercati mondiali dopo i verbali da parte della FOMC. I membri della Fed si sono messi d’accordo sulla necessità di un ulteriore inasprimento della politica monetaria, che ha riportato il dollaro alla sua dinamica di crescita. L’indice del dollaro è salito ai massimi degli ultimi 10 giorni al livello di 95,42, in quanto i protocolli hanno aggiornato la dinamica del mercato per acquistare la valuta statunitense.

Formalmente, non c’è nulla di nuovo nell’attuale orientamento politico per i mercati, in quanto il Presidente della Fed ha espresso questa posizione durante una conferenza stampa a fine settembre dopo l’aumento dei tassi, che ha portato ad un aumento del 2% della valuta statunitense la settimana successiva.

Tuttavia, l’impulso per la crescita del dollaro si è inaridito negli ultimi tempi. In parte ciò è dovuto al ritorno della domanda di rischi dopo una brusca vendita sui mercati azionari, mercoledì e giovedì, e in parte a causa della costante pressione esercitata sulla FED da parte di Trump.

L’impegno a rafforzare ulteriormente la politica da parte della FOMC dimostra ancora una volta l’indipendenza della banca centrale statunitense. Trump decise di chiamare direttamente la Fed la sua “principale minaccia”, e ciò è alquanto ironico, poiché lo stesso presidente gli ha fatto questa minaccia. Propose Powell come capo della banca centrale, e la sua amministrazione raccomandò di nominare un certo numero di persone di alto livello all’interno FOMC. Ora, tutti sostengono all’unanimità la posizione che Trump critica.

Tra le news macro più importanti, vale la pena menzionare il rapporto semestrale del Tesoro circa le valute, in cui nessun paese è stato nominato come un manipolatore di valute. Questa cautela, nonostante le guerre commerciali e il drastico indebolimento dello yuan negli ultimi mesi, può essere considerata come il desiderio di non esercitare troppa pressione sulla Cina, lasciando un’opportunità per i negoziati sul commercio.

Andamento Petrolio

All’inizio di ottobre, due importanti benchmark del petrolio hanno toccato i massimi del mese di novembre 2014. Alcuni operatori credono che sia un segnale forte dell’ulteriore rally e dovremmo tenere d’occhio il prezzo dei 100 dollari al barile.

Tuttavia, ci sono grossi dubbi sul fatto che questo livello possa essere raggiungibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *