Forex: Dollaro USA crolla dopo Nonfarm Payrolls 8 Marzo 2019

Il Dollaro USA ha avuto un venerdì difficile dopo che gli Stati Uniti hanno soltanto aggiunto 20 mila posti di lavoro nel mese di Febbraio, un dato ben al di sotto delle aspettative (l’economia USA è vicina alla piena occupazione).

I numeri indicano un quadro misto della salute dell’economia degli Stati Uniti, in quanto il tasso di disoccupazione è sceso più del previsto e l’inflazione dei salari ha accelerato ben oltre le previsioni.

Desideri fare trading online su valute, materie prime, indici e azioni senza commissioni su una piattaforma di trading affidabile e registrata CONSOB? Ottieni oggi il tuo conto gratuito su eToro, clicca qua per maggiori informazioni>>

L‘indice del dollaro USA, che misura la forza del biglietto verde contro un paniere di sei valute principali, ha perso lo 0,36% a 97,29 di questa mattina. Nel frattempo, le tensioni commerciali hanno anche portato ad un calo del dollaro.

Gli Stati Uniti e la Cina hanno respinto i tentativi di un vertice per firmare un accordo commerciale a causa di divergenze irrisolte, sollevando dubbi sul fatto che i due porranno fine alla disputa di un anno, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal. Il dollaro è sceso contro lo yen, con USD / JPY in calo dello 0,2% a 111,68.

Il loonie si è mosso al rialzo, con USD / CAD in calo dello 0,18% a 1,3425, dopo che i dati hanno mostrato che la sua economia ha aggiunto più posti di lavoro del previsto a febbraio.

AUD/USD è aumentato dello 0,3% a 0,7032 mentre NZD / USD è scivolato dello 0,6% a 0,6794.

La sterlina si è mossa al ribasso con GBP / USD in calo dello 0,18% a 1,3055, come il primo ministro Theresa May ha affermato che nessuno sa cosa succederebbe se l’accordo sulla Brexit non fosse passato per il Parlamento. L’euro è salito a causa del dollaro più debole, con EUR / USD in rialzo dello 0,3% a 1.1231.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *